Sibari - Milano in poco più di 8 ore... il collegamento più veloce dalla Calabria Jonica.

Treni
Di origine greca, Sibari è una frazione di Cassano allo Ionio. La sua stazione fu inaugurata nel 1874. Nel corso dell'anno successivo furono inaugurate una sere di linee ferroviarie conosciute come Ferrovia Jonica e già allora Sibari era un punto di riferimento per il collegamento sud-nord.

Oggi da Sibari parte il collegamento più rapido con Milano, che con due cambi e meno di 8 ore e mezza collega la Calabria Jonica con il Nord Italia.
Simbolicamente unite dalla visita del Papa, che nel giugno 2014 incontrava i fedeli nella piana di Sibari e nel marzo 2017 ha incontrato i giovani a Milano, i due centri sono molto diversi tra loro. Una piccola stazione del sud e una grande stazione del nord, un piccolo centro, addirittura una frazione che da anni tenta di essere riconosciuta come comune e una metropoli. Due città distanti, fisicamente e idealmente. Ma in realtà le origini dell'antica Sibari, centro di spicco della Magna Grecia, la accostano all'attuale Milano molto più di quanto non si pensi. Oggi Sibari conserva uno dei parchi archeologici di maggiore importanza in Italia con un'estensione di oltre cinquecento ettari.
Sibari-Milano non è solo uno spostamento: è anche un viaggio nella storia, nella geografia e nella cultura della nostra penisola. Per certi versi è anche un viaggio attraverso il tempo.

Il primo tratto di strada taglia trasversalmente la Calabria da est a ovest, dallo Ionio al Tirreno, approfittando delle profonde vallate dove scorrono i fiumi Crati e Savuto, che separano i Monti di Orsomarso dall'altopiano della Sila. La ferrovia si incunea in questa vallata e prosegue la sua leggera discesa verso Cosenza prima di dirigersi verso nord. Ma ancor prima la pianura più vasta della regione, la Piana di Sibari, il punto che geograficamente ha reso strategica la città di Sibari fin dall'ottavo secolo a.C., è il luogo ottimale per il passaggio dei treni.
Dopo il primo tratto di strada, cambia decisamente il paesaggio che diviene costiero e correndo lungo la costa tirrenica raggiunge Roma.

Il secondo centro toccato dal percorso è quello di Paola. La rete ferroviaria che la attraversa faceva parte della Ferrovia Tirrenica Meridionale e fu inagurata nel 1895. La città in provincia di Cosenza è famosa e ricordata in Italia soprattuto per la figura del santo che vi nacque: San Francesco da Paola. Ancora oggi è possibile visitare e conoscere i luoghi di preghiera e raccoglimento che sorsero per il suo impegno e la sua dedizione. Il Santuario di Paola accoglie ogni anno migliaia di turisti, che trovano nella città calabrese un punto di passaggio prima di raggiungere altre mete o che vi giungono appositamente.

Da questo momento il percorso si fa verticale, la salita verso nord è più rapida, il paesaggio cambia man mano che passano i chilometri. Dai monti della Calabria, attraverso il Cilento e la Campania, si passa al Lazio, per scendere a Roma. Nella capitale si cambia treno e cresce ancora la velocità con il FrecciaRossa che unisce due dei centri più movimentati del nostro Paese. Il treno Alta Velocità FrecciaRossa è la linea che dal 2008 ha cambiato il modo di viaggiare tra il nord e il centro Italia, accorciando in maniera considerevole le distanze, rendendo in un certo senso l'Italia più corta, più vicina. Il Frecciarossa che parte da Roma e va verso Milano passa per Firenze, ma in questa soluzione non vi fa sosta.

La soluzione di cui stiamo parlando parte ogni giorno con il treno regionale 12729 delle 6.30 diretto a Sapri. Il primo tratto è quello tra Sibari e Paola, stazione che viene raggiunta dopo un'ora e mezzo di viaggio. Sulla linea Sibari-Sapri, Paola è la sesta fermata. Il treno, arrivato a Cosenza da Castiglione Cosentino vi fa ritorno per proseguire in direzione ovest. San Marco Roggiano e Torano Lattanico sono le prime due fermate.
Il treno regionale 12729 arriva alla stazione di Paola alle ore 7.59. Restano a disposizione per il primo cambio oltre venti minuti. Infatti il FrecciArgento 8352, partito alle 6.48 da Reggio Calabria, fa il suo ingresso nella stazione di Paola alle ore 8.23 per ripartire tre minuti dopo in direzione della capitale. L'arrivo a Roma è previsto per le 11.35, dopo una sola fermata a Salerno.
A mezzogiorno in punta parte dalla stazione di Roma Termini il FrecciaRossa 9626 che in meno di tre ore giunge a Milano Centrale: sono le 14.55.
Il viaggio partito alle 6.30 dalla stazione di Sibari si conclude 8 ore e 25 minuti più tardi a Milano.

TRASPORTI.blog vi augura BUON VIAGGIO.