Realizzazione del 3 Megalotto della nuova SS 106 jonica, tratta ROSETO C.S. - SIBARI (38 km.)

Auto

Finalmente è terminata la gara per la realizzazione del terzo megalotto sulla strada statale 106 "Jonica", nei pressi di Sibari. L'ammodernamento dovrà essere realizzato fino alla cittadina di Roseto Capo Spulico, nella provincia di Cosenza. Il criterio della gara è stato quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa e la vincitrice è risultata l'Associazione Temporanea d'Imprese Astaldi Spa - Imprgilo Spa. L'intero intervento di ammodernamento prevede un investimento di 800 milioni di euro stanziati dalla Regione Calabria, che serviranno per costruire ben 38 chilometri della strada statale 106 aumentando a 126 i chilometri da 4 carreggiate e corsie separate. In questo modo Taranto sarà collegata alla località jonica balneare (Sibari) con una extraurbana a scorrimento veloce con tempi di percorrenza molto ridotti rispetto agli attuali. I cantieri di lavoro dovranno essere aperti entro luglio, ma stando alle parole del responsabile Anas Armani, la data potrebbe slittare fino alla fine dell'anno per problemi di natura burocratica. Il Presidente si è comunque detto ottimista per un veloce svolgimento dei lavori.

L'intervento rappresenta un traguardo di fondamentale importanza per il miglioramento del settore trasporti della Calabria e delle relativa infrastruttura. In particolare l'ammodernamento mira a evolvere l'infrastruttura nell'area dell'Alto Jonio. Il cosiddetto intervento megalotto 3° è, però, soltanto un pezzo di puzzle in un progetto di ammodernamento più grande, che a lungo andare servirà per creare una nuova area jonica. Tutti gli interventi da eseguire sono suddivisi in 12 megalotti, alcuni dei quali sono già stati affidati a delle imprese, mentre altri sono ancora da affidare. L'investimento totale dei 12 megalotti è pari a ben 17 miliardi di euro. Gli altri interventi si suddividono in quelli di adeguamento, quelli di messa in sicurezza, nonché gli interventi di realizzazione dei nuovi tratti.

Tutti gli interventi sull'infrastruttura del settore trasporti calabrese verranno svolti nei punti cruciali del sistema, laddove la presenza di problemi o di grandi centri abitati richiedeva un intervento veloce. Per questo si è deciso di partire con i tratti problematici prima degli altri e sulla tratta tra Rocca Imperiale e Roseto Capo Spulico sono già stati delle piccole porzioni della nuova SS 106. Altri tratti interesseranno varie cittadine di Gabella Grande. Attualmente è in corso d'opera due tratti consecutivi vicini a Locri-Ardore e Gioiosa Jonica. I lavori del megalotto 1° sul tratto tra Cauloni e Palizzi hanno già superato la soglia del 51% di completamento, mentre i lavori del 2° megalotto, quello tra Simeri Crichi e Squillace, hanno superato la soglia del 95%. I lavori del megalotto 2° saranno completati in estate del 2017, permettendo ai cittadini calabresi di godere della mobilità aumentata sul tratto interessato.

L'Anas, però, ha indetto anche numerosi appalti per mettere in sicurezza il tracciato della Jonica, progettando le rotatorie e gli svincoli in modo da eliminare completamente le intersezioni a raso. Proseguono, insomma, non solo i lavori destinati alla costruzione di una nuova statale, ma anche quelli per sua messa in sicurezza. A questo progetto sono stati destinati circa 13 milioni di euro d'investimento. Alla fine dei lavori la nuova Jonica, - come ha dichiarato Pietro Ciucci, - sarà integrata al 100% con l'autostrada A3 che collega Salerno a Reggio Calabria per mezzo di alcune strade di collegamento, come la statale 182 "Della Serre", attualmente in via di realizzazione; o la statale 280, per la quale è stato previsto un ammodernamento solo degli ultimi 5 chilometri.