La tratta ferroviaria SIBARI - CROTONE - CATANZARO sarà elettrificata, un sogno che diventa realtà...

Treni

La tratta ferroviaria SIBARI - CROTONE - CATANZARO sarà elettrificata, un sogno che diventa realtà...

Elettrificazione della tratta Sibari-Crotone-Catanzaro: un sogno o una realtà?

Ciò che era nell'aria già da qualche tempo, ora è diventato realtà! La tratta ferroviaria che collega le importanti città della Calabria, non solo sarà espansa per poter accogliere molti più turisti, ma sarà anche elettrificata. La notizia, che ritardava ad arrivare già da alcuni anni, è stata invece data. L'ufficialità è giunta direttamente dalla riunione targata Cipe: il Consiglio ha deciso per la promozione dell'idea con la successiva facilitazione degli spostamenti in treno sul territorio di tutta la regione Calabria. La necessità di elettrificazione della famosa ferrovia Jonica rappresenta, al giorno d'oggi, non più una lontana fantasia, né un'idea di quelle che bisogna ancora realizzare. Tutt'altro: si tratta di un fatto che sta per essere attuato. Per iniziare i lavori interesseranno la tratta che collega Sibari a Catanzaro Lido passando per la città di Crotone. In questo modo si cercherà di elettrificare, in maniera alquanto celere, quel che ha sempre rappresentato una parte alquanto problematica della zona. Solo dopo i lavori saranno effettuati anche sulla linea ferroviaria trasversale che collega Catanzaro Lido a Lamezia Terme. In aggiunta all'elettrificazione saranno svolti anche gli altri lavori, tra cui l'ammodernamento dei binari esistenti. Tuttavia, prima di procedere spediti verso quel che rappresenta un naturale bisogno dei calabresi, bisognerebbe fissare alcune tappe di questi lavori.

Quando inizieranno i lavori?

Stando a quanto deciso dal Consiglio, i lavori di elettrificazione della Linea Jonica inizieranno non prima del 2019, il tempo necessario per svolgere tutte le procedure burocratiche, preparare i lavori al meglio e solo dopo aver studiato tutto, iniziare. Una fase iniziale così lunga è necessaria anche per evitare possibili dispendi inutili del denaro concesso dal Fondo Europeo per lo Sviluppo e la Coesione. Nel fondamentale lavoro atto a elettrificare la principale congiunzione ferroviaria tra la dorsale del Tirreno e quella dello Jonio, sono state effettuate diverse nuove proposte... anche sul collegamento con l'aeroporto. Cosa ne deriva? Molte idee nuove e particolari, nonché numerose possibilità extra per tutti coloro che vogliono regalarsi un viaggio in treno in Calabria. Con la presa in carico del progetto di elettrificazione della tratta Sibari-Crotone-Catanzaro, sono stati rigettati altri progetti, tra cui quello di una variante ferroviaria tra Lamezia Terme e Settignano. Nuovi spunti, dunque, ma anche l'accantonamento dei progetti considerati troppo vecchi, difficili oppure dispendiosi. Dopo l'opportuno stadio di progettazione, si passerà finalmente all'elettrificazione del tratto Feroleto Antico - Lamezia Terme Sembiase (passando per Lamezia Terme Nicastro). Il ponte provvisorio che attualmente sorge nei pressi di Marcellinara sarà soggetto all'elimineazione, in quanto rallenta la circolazione. Nei prossimi mesi, inoltre, il tracciato sarà messo in sicurezza.

Quali le altre fasi del lavoro?

In seguito ai primi interventi saranno effettuati anche degli interventi più precisi, tra cui la sostituzione dell'SSC, ovvero del Sistema di Supporto alla Condotta (un sistema abbastanza invecchiato) con il Sistema Controllo Marcia Treno. Inoltre sarà istituto il Rango C relativo alla velocità, già da tempo in corso d'istitutazione su tutta la Linea Jonica. Il passaggio da un sistema all'altro ha un carattere obbligatorio per poter permettere la circolazione del materiale a rotabile, ma a trazione elettrica. Grazie a questo tipo d'interventi il tempo di percorrenza del tratto può scendere notevolmente: dai 42 minuti a soli 30 minuti. Al giorno d'oggi è possibile rilanciare anche l'idea di rivalutazione del fascio merci incluso a Lamezia Terme Nicastro.

Collegamento con l'Aeroporto Internazionale: una linea da non sottovalutare

Quando si parla di collegamenti, bisogna sempre precisare che alcuni sono più importanti degli altri. Questo è il caso del collegamento ferroviario con l'Aeroporto Internazionale della zona. Il collegamento ferroviario con la grandissima struttura permetterà di gestire dei flussi più grandi dei viaggiatori. La cosa aumenterà anche l'appetibilità della regione Calabria agli occhi dei turisti provenienti da altre zone d'Italia o persino dai viaggiatori dall'estero. Il tutto senza accantonare minimamente il progetto della linea tra Reggio Calabria e Salerno: una linea ad Alta Velocità che prevederà anche lo spostamento dei binari e della stazione Lamezia Terme Centrale all'Aeroporto Internazionale. In questo modo si creerà uno spazio innovativo e d'avanguardia, in quanto nella stessa struttura sarà incluso sia l'aeroporto che la stazione ferroviaria. Già oggi è possibile viaggiare sulla Ferrovia Tirrenica a velocità pari a 200 km/h, ma con l'ammodernamento della linea si stima di poter aumentare ulteriormente la velocità, abbassando quindi il tempo di percorrenza.

Ottimizzazione e il risparmio

Gli interventi di ottimizzazione eseguiti costeranno alla Regione un risparmio di circa 70 milioni di euro, che potranno essere investiti in altri settori. I benefici dell'ottimizzazione, però, non si traducono unicamente nel risparmio, ma anche in una maggiore comodità per i viaggiatori. Saranno aggiunti i servizi a lunga percorrenza e saranno ripristinati i collegamenti diretti con le altre città italiane, in primis con Milano. Anche i servizi ferroviari regionali avranno numerosissimi benefici.