Come richiedere il rimborso per il ritardo del treno: scopri quanto ti spetta

Treni

Quante volte ti è capitato di arrivare in ritardo a causa del treno? Purtroppo è un disagio molto comune e le cause possono essere di natura complessa, non solo tecnica; il danno causato ogni anno da ritardi e cancellazioni pesa gravemente sulle spalle di tutti gli italiani, Trenitalia compresa.

Però ricordati che ogni viaggiatore ferroviario può far valere i propri diritti e richiedere un rimborso in caso di ritardo del treno.

 

Rimborso per il ritardo del treno

Ogni viaggiatore ferroviario che si è trovato ad affrontare pesanti ritardi o cancellazioni ha il diritto di chiedere un rimborso. Non tutti i ritardi però sono contemplati all’interno del regolamento. Trenitalia, infatti, ha disposizioni precise per quanto riguarda la gravità del ritardo e in caso di cancellazione del treno.

In nessun caso è previsto il rimborso se l’importo dell’indennizzo è pari o inferiore a 4 € per persona.

Rimborso per il ritardo dei treni del trasporto nazionale Trenitalia

È previsto un rimborso per il ritardo del treno in qualsiasi caso che superi i 59 minuti. Il rimborso può essere richiesto con le seguenti modalità:

  • compilando un form su un sito specifico per i reclami di Trenitalia;
  • sul sito di Trenitalia alla voce Richiedi Indennizzo dall'area riservata o nel dettaglio viaggio;
  • può essere richiesto il rimborso per il ritardo del treno direttamente all’agenzia di viaggio, se il biglietto è stato acquistato in uno di questi esercizi;
  • rivolgendosi a qualsiasi biglietteria;
  • al Call Center, solo per i biglietti acquistati tramite questo servizio (oppure online).

L’indennità può essere richiesta dopo 24 ore dal termine del viaggio fino a 12 mesi dopo la data in cui si è verificato il ritardo. Il rimborso per il ritardo del treno può essere richiesto come bonus per l’acquisto di un altro biglietto, in contanti o accreditato sulla propria carta di credito a seconda del metodo di pagamento utilizzato per l’acquisto della soluzione di viaggio. Il rimborso varia a seconda della gravità del ritardo:

  • per un ritardo compreso tra 60 e 119 minuti hai diritto a un rimborso pari al 25% del prezzo del biglietto;
  • per un ritardo da 120 minuti a salire hai diritto a un rimborso pari al 50% del prezzo del biglietto.

Come specificato da Trenitalia, il rimborso può essere richiesto anche nel caso di biglietti acquistati con un precedente bonus d’indennità ed è calcolato rispetto al prezzo complessivo dell'intera soluzione di viaggio. Inoltre, il ritardo da tenere in considerazione dev’essere quello effettivo accumulato al termine del viaggio.

Rimborso per il ritardo delle frecce

Per quanto riguarda tutte le frecce il rimborso per il ritardo del treno è riconosciuto anche per ritardi tra 30 e 59 minuti, ma solo tramite bonus e non con l’accredito del denaro. Tale bonus non è cumulabile in nessun caso, non è possibile perciò usufruire di tale indennizzo su ritardi superiori ai 59 minuti, ma dev’essere preso in considerazione l’indennizzo di fascia successiva.

Rimborso per il ritardo di un treno Trenord

Per Trenord si applicano gli stessi criteri d’indennizzo e per richiedere il rimborso bisogna compilare gli specifici moduli sul sito Trenord allegando il biglietto originale.
È possibile inoltrare una richiesta d’indennizzo Trenord con una delle seguenti modalità:

  • tramite posta all’indirizzo “Trenord - Ufficio Rimborsi - c/o Stazione Cadorna Pal. Movimento Piazzale Cadorna 20123 Milano” allegando anche il biglietto originale e una copia del documento d’identità;
  • presso gli uffici Assistenza Clienti My Link Point delle stazioni di Milano Porta Garibaldi e Milano Cadorna;
  • presso le biglietterie Trenord;
  • per gli acquisti online è possibile presentare la domanda direttamente dal sito di Trenord.